SPETTACOLI

regia, drammaturgia, produzioni

VIDEO

documentari, corti, lunghi

FORMAZIONE

sperimentare, crescere, imparare

ALTRO

tutto quello che avanza

Venice 1600 - Stamp Prototype
Categoria: Altri progetti

Venice 1600 - Wrong Stamps

Progetto d'Arte

 

Idea

Emissione di 12 “francobolli digitali sbagliati”, con raffigurazioni celebranti i 1600 anni di Venezia. Gli originali delle opere digitali vengono certificati tramite smart contract e scambiati in copie limitate e numerate sul mercato degli NFT. 

 

Cosa sono gli NFT

NFT è l’acronimo per Non-Fungible Token, ovvero “gettone non fungibile”.

Per capire cosa voglia dire “non-fungibile” è necessario sapere cosa significhi “fungibile”. Un bene fungibile è qualcosa prodotta in copie identiche tra loro dal punto di vista funzionale. Sono fungibili, ad esempio, tutte le lattine di una marca di birra, i lingotti d’oro dallo stesso peso o le monete dello stesso conio. 

Un bene non-fungibile, al contrario, è tale per cui ne esiste solo uno, insostituibile. A volte se ne possono fare delle copie, che tuttavia saranno sempre riproduzioni dell’originale, allo stesso modo delle fotografie di un dipinto. Non fungibili sono le opere d’arte o i pezzi da collezione come i francobolli annullati.

Gli NFT sono delle particolari ricevute digitali che attestano la proprietà di un bene non fungibile, in genere consistente in un file. La certificazione di questa proprietà avviene tramite tecnologia blockchain, soprattuto nel mondo Ethereum.

Molti artisti si sono avvicinati agli NFT perché permettono di conferire l’attestazione di proprietà di un contenuto digitale originale. In questo modo è possibile risalire all’autore dell’opera e a chi ne detiene la proprietà. 

Si parla di NFT già da alcuni anni, ma hanno ottenuto gli onori della cronaca in questi primi mesi del 2021, quando Christies ha battuto all’asta un NFT dell’artista Mike Winkleman per  la modesta cifra di 69 milioni di dollari, circa.

Oggi esistono piattaforme di scambio e compravendita di NFT dalle forme più varie, spesso come pubblicazioni seriali del tutto assimilabili alle figurine, ai francobolli o alle carte da gioco di ruolo. È quindi nato ed è in piena espansione un intero universo di collezionisti digitali di NFT.

 

I francobolli “sbagliati” in NFT per Venezia 1600 anni

Mi hanno sempre affascinato i francobolli. Ho provato a collezionarli, ma non sviluppato la virtù del collezionista.

La storia del francobollo ha dei precedenti proprio a Venezia, dove nel 1608 venivano stampati i “Tagli delli soldi 4 per lettera”, ovvero dei fogli ad uso postale per ottenere i quali era necessario pagare una piccola imposta.

Dalla stampa del Penny Black nel 1840, il francobollo è diventato presto oggetto da collezione al punto che nel 1864 fu coniato il termine “filatelia” per definire questa nuova passione. Il francobollo divenne un bene con un valore collezionistico differente da quello nominale.

Così i francobolli più ricercati possono valere cifre ragguardevoli. Preziosissimi divennero i francobolli con errori grafici o di stampa; a partire dal Penny arancio delle Mauritius del 1847 fino al celeberrimo Gronchi rosa del 1961.

I francobolli sbagliati hanno da sempre sollecitato la mia immaginazione, rivelandomi che nell’errore c’è spesso del genio, il segno di un’intelligenza che agisce attraverso il caso, come succede per certe grandi scoperte della scienza.

Per questo, in occasione dei 1600 anni di Venezia, ho pensato di creare una serie opere in forma di francobolli commemorativi volutamente “sbagliati”. Dal momento che - ovviamente - questi francobolli non potranno essere venduti e usati poiché “sbagliati”, essi esisteranno esclusivamente come opere digitali.

L’intuizione che guida questo progetto è la seguente: tracciare una continuità tra due mondi del collezionismo, uno basato sulla concretezza della carta stampata e dentellata e l’altro sull’immaterialità del digitale, supportata dagli NFT.

Le tirature limitate delle opere digitali potranno così essere messe all’asta e scambiate sulle piattaforme di scambio NFT come Opensea o Niftygateway, con la stessa passione e le stesse dinamiche dei collezionisti di francobolli cartacei, traghettando Venezia in un’epopea digitale che è solo all’inizio. Venezia pioniera, ancora, 1600 anni dopo.

Benvenuti nella rete decentralizzata. Benvenuti nel futuro. Benvenuti a Venezia.

 

 

Link del progetto su Opensea

___________

 

Bonus: di come un francobollo possa ancora smuovere montagne

Stamp Pope Kurdistan

La Turchia è in agitazione perché il governo regionale curdo in Iraq ha fatto un francobollo per commemorare la recente visita di Papa Francesco, che raffigura il Pontefice sullo sfondo del Kurdistan.

Qui l'articolo.

 

Progetto d'Arte

Cose popolari

Questo sito fa uso di Cookies e registra informazioni tecniche sulla tua navigazione. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information